La maison Fabergè

8 apr 2017

In:News

Condividi su

Con l’arrivo della Pasqua non potevano non venirci alla mente le immagini di uova preziose e dalla storia leggendaria. Quanti di voi hanno sentito parlare almeno una volta delle uova di Fabergè? Avvicinarsi alla loro storia è affascinante e coinvolgente come leggere un romanzo e alcune di esse sono delle vere e proprie opere d’arte, sogno proibito di collezionisti di tutto il mondo.La maison Fabergè è una storica casa di gioielleria russa fondata nel 1842 da Gustav Fabergè.

Il gioielliere conobbe un notevole successo da quando nel 1872 lo Zar Alessandro III commissionò a suo figlio Peter Carl, la produzione di uova di pasqua preziose.
Per i cristiani Ortodossi l’uovo di Pasqua è molto più che una celebrazione alla fine del digiuno, è una vera e propria dichiarazione della Resurrezione di Cristo.
Nelle classi agiate e tanto più nella famiglia imperiale, anzichè scambiarsi uova di galline benedette durante la liturgia, si diffuse l’usanza di scambiarsi uova gioiello, realizzate con materiali preziosi.
Il primo uovo fu commissionato dallo zar Alessandro III , come sorpresa di Pasqua per la moglie Maria Fyodorovna. L’uovo, di colore bianco con smalto opaco, aveva una struttura a scatole cinesi o a matrioske russe: all’interno vi era un tuorlo tutto d’oro, contenente a sua volta una gallinella colorata d’oro e smalti con gli occhi di rubino. Quest’ultima racchiudeva una copia in miniatura della corona imperiale contenente un piccolo rubino a forma d’uovo.
La leggenda vuole che la zarina fu così contenta di questo regalo che Fabergé fu nominato da Alessandro “gioielliere di corte”, e fu incaricato di fare un regalo di Pasqua ogni anno da quel momento in poi, con la condizione che ogni uovo doveva essere unico e doveva contenere una sorpresa.Da allora fino al 1917 ne furono realizzate ben 57.
La preparazione delle uova occupava un intero anno. Una volta che un progetto veniva scelto, una squadra di artigiani lavorava per montare l’uovo.Così come voluto dalla zarina, i temi e l’aspetto delle uova varia ampiamente. Ci sono uova dedicate alla celebrazione di compleanni e anniversari o incoronazioni, ma anche realizzate per celebrare una particolare impresa o un evento dell’anno passato.

 

Altra peculiarità delle uova è la loro struttura a matrioske e le sorprese contenute; a volte gioielli da indossare ma anche miniature o pietre preziose.

A partire dal 2006 appena ventuno uova erano ancora in Russia fino a quando un imprenditore russo ne acquistò nove precedentemente possedute dall’editore americano Forbes, facendole ritornare così in Russia. Oggi altre collezioni più piccole si trovano in alcuni musei degli Stati Uniti, quattro uova sono nelle collezioni private mentre otto mancano ancora e sono considerate quindi disperse…anche questo contribuisce ad alimentare il fascino e la leggenda di queste opere d’arte preziose!